Posts contrassegnato dai tag ‘politica’

Rimango sempre stupito quando una persona, con poche e semplici parole, riesce a dare una risposta a una domanda complessa come quella che riguarda le cause della crisi economica in atto. Ma lo stupore lascia spazio all’ammirazione quando l’autore di questa risposta è Zygmund Bauman, classe 1925, sociologo e filosofo polacco di origini ebree, famoso per la critica al negazionismo e per le sue ricerche sulla stratificazione sociale e sulla modernità. Sapendo che la sua Lectio Magistralis all’Accademia Pontificia Lateranense dello scorso 20 ottobre sarebbe stata trasmessa in diretta su Sky ho approfittato dell’opportunità di seguirla comodamente seduto in poltrona.
Sembra che Bauman, a detta dei suoi estimatori, possieda il dono di quella che Charles Wright Mills chiamava l’immaginazione sociologica, la capacità di fissare in una frase, in un’idea, la realtà di un’intera epoca. Il grande studioso polacco lo ha fatto con la sua metafora della “Società Liquida” (cosa è più imprendibile e sfuggente dell’acqua e dei suoi flussi?) per descrivere con geniale chiarezza la precarietà e l’instabilità dell’epoca in cui viviamo.
L’oratore va al dunque senza perdersi in premesse. “La ragione di questa crisi, che da almeno cinque anni coinvolge tutte le democrazie e le istituzioni e che non si capisce quando e come finirà, è il divorzio tra la politica e il potere”.

Bauman intende con questo che mentre un tempo gli stati-nazione avevano il potere di decidere e una sovranità territoriale, anche economica, ora questo meccanismo è stato completamente travolto dalla globalizzazione.
“La globalizzazione ha globalizzato il vero potere – prosegue – scavalcando la politica. I governi non hanno più (altro…)

Riceviamo e pubblichiamo una poesia di un nostro utente che ci spiega i meccanismi del tanto temuto spread. La cosa che più ci è piaciuta è che lo fa assolutamente in rima. Buona lettura

Lo Spredde

Stando a li tempi der monno adesso attuale,
è scappato fora sto fenomeno sociale
de interessasse a li probblemi der paese
sulle tasse, le pensioni e lo stipendio a fine mese.

Ma la novità assai piu strana
deriva da ‘na parola americana
che serve a spaventa’ la gente
che nun ce capisce propio gnente.

Se tratta de un concetto matematico
(l’avrà inventato uno molto pratico!)
secondo cui un nummero ce traccia
se i soldi so boni o cartastraccia.
(altro…)

Tra i difetti che si riscontrano nei personaggi famosi, specialmente tra i politici, quello che occupa le prime posizioni in una classifica da uno a dieci è sicuramente lo smisurato egocentrismo. È chiaro a tutti, infatti, che i nostri amici vip amano essere riconosciuti per strada, apparire su giornali scandalistici, essere osannati dai propri fan. Il fenomeno non lo scopriamo certamente oggi tanto che immagino il capo tribù di un villaggio nel paleolitico compiacersi dei gesti adulatori dei membri del proprio clan.
Certo nel paleolitico se si faceva una gaffe la cosa rimaneva circoscritta al villaggio; al massimo qualche “cialtrone” l’avrebbe raccontata al di là del fiume, ad un conoscente della tribù avversaria mettendo in ridicolo il capo. Poi è arrivata l’era della carta stampata, della radio, della televisione e infine dei social network.
(altro…)

Oggi su Radio24 si è assistito ad un simpatico siparietto tra Cruciani, speaker de la “Zanzara” su Radio24, e Angelo, un camionista di Bari. Motivo dell’esilarante litigata l’intervista alla signora Anna Tintori madre dell’ormai tristemente famoso Franco Fiorito. Angelo ha rimproverato in maniera colorita Cruciani per la furbizia con cui ha indotto a parlare la signora Tintori la quale pesava di dialogare con l’avvocato del figlio, il professor Carlo Taormina.

Ecco la telefonata incriminata.

voi cosa ne pensate?