LO SPREAD? UN POETA CE LO SPIEGA IN RIMA

Pubblicato: 8 ottobre 2012 in Politica, Società
Tag:, , , , ,

Riceviamo e pubblichiamo una poesia di un nostro utente che ci spiega i meccanismi del tanto temuto spread. La cosa che più ci è piaciuta è che lo fa assolutamente in rima. Buona lettura

Lo Spredde

Stando a li tempi der monno adesso attuale,
è scappato fora sto fenomeno sociale
de interessasse a li probblemi der paese
sulle tasse, le pensioni e lo stipendio a fine mese.

Ma la novità assai piu strana
deriva da ‘na parola americana
che serve a spaventa’ la gente
che nun ce capisce propio gnente.

Se tratta de un concetto matematico
(l’avrà inventato uno molto pratico!)
secondo cui un nummero ce traccia
se i soldi so boni o cartastraccia.

Embè? Che è? Come se chiama? Se chiama spredde: vor di’ differenziale.
Sarebbe il divario che insiste tra er titolo tedesco e quello nazzionale.

Ma i tedeschi da un’epoca ormai antica
se sentono superiori all’altri Stati
e nun je pare vero che un nummero lo dica,
certificando il fatto perfino sui mercati.

Ogni giorno la storia è sempre uguale.
Accenni la tivvù pe’ vede’ ‘l teleggiornale
e stanno tutti a preoccupasse
se le quotazioni so alte oppure basse.

Ma un dubbio c’è che me tormenta:
se Grecia, Francia e puro Spagna
c’hanno lo spredde che je aumenta,
nun sarà che core troppo la Germagna?

E se davero si realizza la paura
che il denaro ce diventi spazzatura?
Diventerà ricca l’Italia intera tutta quanta,
perché de mmerda ce n’emo sempre avuta tanta!

Michele Rapinesi

Annunci
commenti
  1. Domenico A. Di Renzo ha detto:

    Bellissima poesia! Complimenti all’autore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...