STEVE JOBS: GENIO FOLLE O IMPOSTORE AFFAMATO?

Pubblicato: 5 ottobre 2012 in Tecnologia
Tag:, , , , , ,

Un anno fa ci lasciava Steve Jobs, sconfitto da un male incurabile. Tutti gli organi di informazione ne diedero notizia e il web fu inondato da messaggi di cordoglio, di stima, di affetto nei confronti dell’uomo che era stato capace di introdurre un approccio innovativo tra uomo e macchina tanto da rendere un telefonino, l’iPhone, la naturale appendice delle nostre mani. Un genio si diceva. Un uomo capace di vedere le cose anni luce prima di ogni altro. un timoniere che, disarcionato dal comando dell’azienda, la apple, che lui stesso aveva fondato, è riuscito a tornare su dall’inferno e a trasformare la sua creatura ormai morente in una delle aziende più quotate in borsa.
Tra le altre cose va ricordato il discorso che aveva pronunciato ad Harvard, un inno alla capacita’ di reinventarsi, di seguire i propri sogni e sopravvivere alle proprie malattie, divenne in breve tempo
“virale”, uno dei piu’ cliccati su youtube. Lo slogan “stay hungry, stay foolish” sembrava quasi essere divenuta la ricetta per salvare il mondo dalla crisi e i giovani dalla disoccupazione.
Fin qui tutto bene. Poi iniziano ad uscire biografie, una autorizzata altre cento no. E allora si iniziano a conoscere lati oscuri del personaggio Jobs che non ti aspetteresti. Dai licenziamenti lampo di chi non sapeva tenere un segreto sui prodotti , ai continui parapiglia con gli ingegneri ridicolizzati davanti a tutti, ai silenzi sulle condizioni pietose in cui lavoravano i dipendenti della Foxconn. Insomma la figura mistica di eroe mitologico venuta su a suon di successi mondiali inizia a sbiadire e lascia il posto alla figura di personaggio che in nome del successo e della fama passa su tutto come un carrarmato.
Attraversando la storia incontriamo tanti personaggi che hanno lasciato il segno e il filo comune che li unisce tutti è che hanno, nel bene e nel male, diviso le opinioni dei popoli che li hanno conosciuti. Steve Jobs non fa eccezione.
Tim Cook, succeduto a Jobs e attuale Ceo di Apple, conosce bene quel segno indelebile lasciato dal suo predecessore. Quel segno è il suo incubo ricorrente. Intendiamoci, come dirigente ha raggiunto risultati di tutto riguardo ben prima che Jobs gli affidasse la baracca e le quotazioni record di questi giorni parlano chiaro. E allora? Vi chiederete perché dovrebbe essere preoccupato visto che ogni azienda ha come traguardo il business. Cook è terrorizzato da una cosa chiamata anima e che insieme al design unico rappresenta l’essenza dei prodotti Apple. Una cosa è creare prodotti perfetti, un’altra è creare prodotti con un anima. E in questo Steve Jobs era l’unico maestro.

Annunci
commenti
  1. gatto daniatto ha detto:

    Non sono amante dei prodotti Apple,soprattutto per il prezzo eccessivo.Ma Jobs era senza dubbio un grande personaggio.E verrà ricordato per quello che mostrava,non per quello che è stato nascosto.Quando si nomina Jobs si pensa subito al logo della mela o ad ios e non agli scheletri nell’armadio.E chiunque venga dopo di lui ,non riuscirà mai a raggiungerene il carisma anche se dovesse aumentare le vendite del doppio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...